vai all'indice
Il Salotto dell’imperatrice (c) SKB, Foto: Alexander Eugen Koller

Anche il Salotto in cui Elisabetta riceveva i suoi ospiti fu riarredato nel 1854 in stile neorococò, con le caratteristiche boiserie murali bianco-dorate e i mobili in parure.

Restoration of the Empress’s Salon

Start: Mid April 2020
Scheduled completion date: mid-December 2020

This room served Empress Elisabeth as a private reception room. It was entered via the Guards’ Room and an entrance room belonging to the empress’s suite. The salon was refurbished in Rococo Revival style ahead of Elisabeth’s marriage to Franz Joseph in 1854. The emperor himself had requested a white-and-gold scheme for the furniture.

The current programme of restoration concerns the entire interior surfaces of the room, including the painted wall panelling and ceiling with their gilding, the parquet floor and all elements associated with the walls. The panelled wall hangings will be replaced with specially woven replica silk fabric, and the original ensemble of furnishings from the time of Empress Elisabeth will be reassembled and restored.

Currently preliminary assessment is being carried out ahead of restoration. The historical furnishings and paintings have already been removed from the room in order to minimize potential damage. Restoration work will then commence immediately after Easter.

We apologize for any inconvenience!


L'orologio collocato dinanzi allo specchio sul lato della finestra presenta una particolarità: grazie al quadrante con le lancette a rovescio montato sul retro, si può leggere l'ora anche allo specchio.

I dipinti che adornano il Salotto meritano particolare attenzione: due ritratti dell’imperatrice Elisabetta ne esaltano particolarmente la bellezza. Il dipinto ad olio di Hans Skallinsky ritrae l’imperatrice con una parure di rubini, mentre sulla litografia di un artista anonimo si riconosce chiaramente il sottile giro di vita dell’imperatrice.

Nel Salotto sono esposti inoltre alcuni ritratti a pastello dei figli di Maria Teresa. Il ritratto della figlia minore Maria Antonietta, che la presenta nelle vesti di Delfina già dopo le nozze in costume da caccia alla moda dell'epoca, è opera di Joseph Kranzinger, che era stato inviato da Maria Teresa a Versailles appositamente per eseguire il ritratto della futura regina di Francia.

vai al menù principale di navigazione

Questo sito web utilizza cookies.

Utilizziamo i cookie tecnicamente indispensabili e i cookie di analisi. I cookie di analisi vengono utilizzati soltanto dopo il consenso dell’utente ed esclusivamente a scopi statistici. Per approfondimenti sui singoli cookie, cliccare “impostazioni dei cookie”. Altre informazioni si trovano nella nostra dichiarazione per la tutela dei dati.