vai all'indice

Il Salone rosso

Il Salone rosso, dalle boiserie bianco-dorate sulle pareti con i riquadri rivestiti in damasco aulico rosso, ai tempi di Maria Teresa fungeva da guardaroba. I guardaroba a muro, di cui l’inventario del 1812 attesta che venivano utilizzati come armadi da biblioteca, furono asportati cent’anni dopo, nel 1914.

Nel Salone rosso sono esposti vari ritratti di imperatori asburgici, fra cui Leopoldo II, che succedette al fratello Giuseppe II per un breve periodo di regno.

Il dipinto alla sua sinistra ritrae il figlio Francesco, suo successore, che fu dal 1792 in poi l'ultimo imperatore del Sacro Romano Impero col nome di Francesco II. Nel 1806 egli si vide costretto a sciogliere il Sacro Romano Impero a causa delle guerre napoleoniche. Già due anni prima aveva elevato le Terre della corona asburgica alla dignità d'Impero d'Austria. Così Francesco II, ultimo imperatore del Sacro Romano Impero della Nazione Germanica, divenne Francesco I, primo imperatore d'Austria. Gli successe il figlio Ferdinando I, zio di Francesco Giuseppe, che durante la rivoluzione del 1848 abdicò a favore del nipote.

Un’altra figlia dell’imperatore Francesco II/I era Leopoldina, che nel 1817 andò sposa al principe ereditario portoghese e futuro imperatore del Brasile, Dom Pedro. D’enorme intelligenza e interessata alle scienze della natura, Leopoldina si fece in seguito promotrice delle velleità indipendentiste del Brasile dalla terra madre, il Portogallo, ragion per cui l’arciduchessa austriaca tuttora è onorata in tutto il Brasile.

Bibliografia: Kaiser, Gloria. Dona Leopoldina. Die Habsburgerin auf Brasiliens Thron. Vienna 2015

vai al menù principale di navigazione

Questo sito fa uso di cookie tecnici. Continuando ad utilizzare il sito, accetti la nostra policy di uso dei cookie.

scopri