Loading...


skipnavigation


teaser

  • Slideshow immagine
  • Slideshow immagine
  • Slideshow immagine
  • Millionenzimmer
  • Stanze di Bergl
  • Gloriette Plattform
  • Grande Galleria
  • La Stanza Vieux-Laque

teaser menu


menu principale


menu breadcrumb


contenuto della pagina

contenuto principale

La Cappella del castello

Vista dell'altare maggiore di marmo
Vista dell'altare maggiore di marmo
Dipinto sul soffitto di Daniel Gran
Dipinto sul soffitto di Daniel Gran
La Cappella del castello
La Cappella del castello

La Cappella del castello di Schönbrunn presenta tuttora la struttura spaziale e l’articolazione architettonica voluta dall’architetto Johann Bernhard Fischer von Erlach (intorno al 1700). Nell’ambito dei lavori commissionati da Maria Teresa per trasformare il castello di caccia in residenza, la Cappella del castello fu decorata a nuovo per desiderio dell’imperatrice: assistere al servizio eucaristico era infatti parte integrante e irrinunciabile della giornata a corte, come voleva la tradizione asburgica.

Nel 1743 la Cappella del castello era piuttosto spoglia, per cui Maria Teresa ne commissionò ad insigni artisti la decorazione altamente rappresentativa.
L’altare maggiore di marmo dai pilastri laterali, dal timpano arrotondato, risale probabilmente a un progetto di Nikolaus Pacassi ed è coronato da un gruppo dorato della Trinità eseguito da Franz Kohl, allievo di Georg Raphael Donner. A Paul Troger, uno dei maggiori pittori barocchi austriaci, fu commissionata la pala d’altare che raffigurava le Nozze di Maria. La mensa eucaristica, decorata lateralmente da angeli in adorazione, regge un possente tabernacolo di marmo a forma di tempietto la cui porta è ornata da un rilievo dorato della Pietà.

Su entrambi i lati della Cappella vi sono altri due altari. I dipinti raffigurano l’Educazione della Vergine e San Giovanni Nepomuceno, e sono opera del pittore veneziano Giovanni Battista Pittoni, che lavorò presso numerose corti europee. I due altri altari sono a forma di nicchie incorniciate, ed ospitano ciascuno una statua di piombo dorato: Giovanni il Battista e l'Addolorata, entrambe opera di Franz Kohl.

Il dipinto sul soffitto della Cappella fu eseguito da Daniel Gran, anch’egli fra i maggiori esponenti del barocco austriaco, e mostra Maria Maddalena circondata da raffigurazioni allegoriche delle virtù cardinali Fede, Speranza e Carità.

Il 29 aprile del 1745 l'arcivescovo di Vienna, conte Sigismondo Kollonitsch, consacrò la Cappella del castello. Le celebrazioni, alla presenza di Maria Teresa accompagnata dalla famiglia e dalla corte al completo, durarono quattro ore.
In origine consacrata a santa Maria Maddalena, con il nuovo decoro la Cappella fu posta invece sotto il patrocinio delle Nozze di Maria.

aggiungi preferito e condividi


pie' di pagina